Valorizzare il proprio lavoro, esercizi e pratica.

#valorizzare #esercizi #donne #risorsa #autoconsapevolezza #valore #autostima

Valorizzare il proprio lavoro, esercizi e pratica.

Il 2016 è per me l’anno della valorizzazione.

Ho augurato a tutte le donne ( qui) di riconoscere con coraggio e serenità il proprio valore. Riconoscere il proprio valore professionale, valorizzare se stesse e il proprio talento non per tutte è un’abilità che si realizza spontaneamente. Molte di noi faticano a mostrare i propri risultati, scelgono di avere un profilo “basso”, attendono che qualcuno si accorga delle loro capacità. Ma se noi per prime non mostriamo, riconosciamo e diamo valore a ciò che facciamo e costruiamo, come potrebbero farlo gli altri?

Non ti dico cosa non bisogna fare, probabilmente quello lo sai già molto bene. Oggi voglio essere concreta, darti davvero quella marcia in più e fornirti qualche esercizio per allenare la tua capacità di valorizzare te stessa a livello personale ma anche professionale.

Partiamo da un punto fondamentale:

Devi essere assolutamente consapevole di ciò che sei in grado di fare, delle tue potenzialità, delle abilità o dei punti di forza. È importante altresì sapere anche molto chiaramente quali sono le tue mancanze, in cosa non sei particolarmente portata.

A cosa ti serve tanta chiarezza?

Due motivi: sapere come affrontare le tue mancanze e concentrarti sui tuoi punti forti.

Esercizio 1: acquisire autoconsapevolezza.

  • Fai un elenco delle capacità che possiedi, scrivine almeno 10, e poi scegline 5 che per te rappresentano il top. Fai un elenco dei punti deboli e delle mancanze, scrivine massimo 10, e poi selezionane 3.
  • Chiedi a 3 persone di fare lo stesso elenco e di sceglierne 3 positive e 3 negative.
  • Analizza gli elenchi, verifica le competenze in più e in meno e poi ripeti i due elenchi.
  • Cosa è emerso? Ti aspettavi che ti venissero riconosciute quelle abilità?

Ti consiglio di ripetere ogni tanto questo esercizio che ti consente di metterti in discussione positivamente.

Ho scelto due parole importanti e potenti per guidarti nella tua valorizzazione: coraggio e serenità. Ecco perché.

Il coraggio rimanda alla sfida, alla tenacia nel perseguire il proprio obiettivo anche in situazioni difficili e complesse. Il coraggio combatte la paura e ti fa sentire capace di arrivare alla fine.

Esercizio 2: usa il coraggio per mostrarti.

  • Prendi i tuoi 5 punti di forza e costruisci intorno a loro un progetto, una nuova idea, un’attività che possa dare aria fresca alla tua massima espressione. In sostanza, per eccellere.
  • Usa questa chance per lavorare in modo focalizzato solo sui punti di forza. Individuarli rafforzerà l’immagine di te e ti renderà più consapevole.

 

La serenità è l’altra componente del processo di valorizzazione.

Per serenità intendo lo stato di pace, la tranquillità interiore, in relazione agli altri ma anche all’ambiente. Serenità quindi rimanda alla capacità di valorizzare il tuo lavoro in modo ottimistico e senza la paura del giudizio.

Valorizzare le capacità con trasparenza senza la preoccupazione di ciò che gli altri possano pensare. Serenità nel modo di pensare a se stesse con entusiasmo.

Esercizio 3: usa la serenità per proporti.

  • Prendi il tuo nuovo progetto o la tua idea e proponili al tuo capo, inviali a una grande azienda, a un giornale di settore. Non importa quale sarà il risultato finale o se il progetto sarà accettato, quello che conta è provarci, buttarsi senza la preoccupazione del “Chissà cosa penseranno di me…”, “penserebbe che sono presuntuosa”.

 

Come ti sei sentita mentre facevi gli esercizi? Cosa è successo intorno a te quando ti sei mostrata nelle tue potenzialità? Che feedback hai ricevuto della tua idea/progetto?

Intanto anche io lavoro a un uovo progetto e prestissimo ti racconterò di cosa si tratta. Un progetto per donne in cui faccio una delle cose che amo di più e mi riesce meglio: prendermi cura degli altri.

A presto,

Stefania

Scritto da Stefania

Stefania

Mi chiamo Stefania Martone e sono un Coach.
L’incontro, l’ascolto, l’apprendimento, la fiducia e l’accoglienza sono gli strumenti con il quali svolgo ogni giorno la mia professione.

Tag:, , , , ,

Related Posts

Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 share