Cenerentola: “volere” o “sperare”?

volere o sperare - di Stefania Martone - #sperare #volere #coach #coaching #obiettivo

“Volere” o “sperare”?

 

“… i sogni son desideri
di felicità
tu sogna e spera fermamente
dimentica il presente
e il sogno realta’ diverra’.”

 

Guardavo con i miei piccoli nanetti un famoso cartone animato della Disney, quando ad un certo punto Cenerentola si mette a cantare questa canzoncina…

Ma basta davvero sperare intensamente perché la tua vita cambi?

Io non sono molto d’accordo.

Preferisco reinterpretare l’amata canzone di Cenerentola e sostituire il verbo “sperare” con il verbo “volere“.

Sperare e volere si traducono in comportamenti molto diversi: se spero mi metto in attesa se voglio mi metto in azione.
Il verbo sperare rimanda all’aspettativa che qualcosa che non dipende da noi potrebbe accadere e il verbo volere rimanda al fare ciò che è necessario per ottenere qualcosa.

Sperare, insomma, ci toglie il potere che possediamo per raggiungere i nostri obiettivi e lo delega a qualcosa o qualcuno che sta fuori da noi, genera aspettative che prima o poi qualcosa accadrà, e che se non succederà la colpa è di qualcun altro.

Ci consente di concentrarci su ciò che accade e non sul ciò che potrebbe accadere.

Questo significa che, volendo, ci liberiamo di pensieri che possono limitarci, ci apriamo al futuro e ci predisponiamo per mettere in atto delle azioni che mirino al nostro “volere”.

A questo punto, cosa puoi fare nel quotidiano tu con il tuo sogno, o meglio con il tuo obiettivo?
Pensaci attentamente e rileggilo con l’interpretazione del volere e del qui e ora.

volere o sperare - di Stefania Martone - #sperare #volere #coach #coaching
“volere” o “sperare”?
di Stefania Martone

Cosa ti fa pensare di non poterlo raggiungere?

Di seguito ti offro un esercizio utile per ripensare in una nuova chiave il tuo obiettivo:

  1. Riscrivi il tuo obiettivo, e fai molta attenzione al verbo che usi: sperare o volere?
  2. Definisci qui e ora cosa fare, e ancora una volta “speri di fare” o “vuoi fare“?
  3. Definisci il tempo e stabilisci una scadenza per monitorare la sua realizzazione.

E ora Pronti, Partenza e GO!

Raccontami come è cambiato il tuo obiettivo: sarà un piacere leggere il tuo commento.

Scritto da Stefania

Stefania

Mi chiamo Stefania Martone e sono un Coach.
L’incontro, l’ascolto, l’apprendimento, la fiducia e l’accoglienza sono gli strumenti con il quali svolgo ogni giorno la mia professione.

Tag:, , , , , , , ,

Related Posts

Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

39 shares